Vai al contenuto
Vai al menu di navigazione
Vai all'elenco dei percorsi guidati
Vai all'indice del modulo

Tutela su Internet

Cosa fare in caso di frode a seguito di acquisti on-line

Hai ordinato un bene attraverso un sito internet e, una volta ricevuto, ti sei reso conto che le sue caratteristiche sono diverse da quelle descritte nel sito o, più semplicemente che non soddisfa le tue esigenze.

  • Prima di compiere qualsiasi acquisto on-line o off-line verifica l'opinione di altri consumatori in uno o più forum di discussione dedicati al prodotto che stai per acquistare. In Rete se ne trovano moltissimi.
  • Nel leggere i messaggi “postati” dagli altri utenti nel forum cerca di individuare l'opinione prevalente in quanto accade spesso che, le case costruttrici o produttrici di un determinato bene, cerchino di orientare a proprio vantaggio le scelte dei consumatori facendo “postare” messaggi lusinghieri circa le qualità e le caratteristiche di tale bene da propri dipendenti e/o collaboratori.

Si tratta di una modalità di pubblicità scorretta ed ingannevole che va sotto il nome di “schmootze” ed è paragonabile alla pubblicità c.d. “redazionale” presente su molti giornali.
Se hai comunque acquistato il bene on-line e ti sei reso conto che non è quello che volevi o, semplicemente, ti sei pentito dell'acquisto, puoi comunque:

  • recedere dal contratto
  • restituire il bene
  • riavere indietro i soldi al netto delle spese che dovrai sostenere per rispedire il bene a chi te lo ha venduto.

Tale diritto ti è riconosciuto dal codice di consumo e va esercitato - di norma - entro 10 giorni dal ricevimento del prodotto seguendo le istruzioni che sono - o dovrebbero essere - rese disponibili attraverso lo stesso sito internet presso il quale hai effettuato l'acquisto; in caso contrario devi indirizzare, sempre entro 10 giorni, una lettera raccomandata a/r al titolare del sito internet (la società che lo gestisce) informandolo della tua decisione di recedere dal contratto, della tua disponibilità a restituire il bene e della tua richiesta di restituzione di quanto pagato.
Il tuo interlocutore - se hai effettuato l'acquisto al di fuori dell'esercizio della tua attività professionale o commerciale - non potrà rifiutarsi di restituirti il denaro che gli hai versato.

Per saperne di più o in caso di problemi puoi consultare gli artt. 64 e ss. del Codice di consumo che trovi sul sito del Governo.