Vai al contenuto
Vai al menu di navigazione
Vai all'indice del modulo

Commercio Elettronico

Come difendersi

Come difendersi dalla violazione del diritto d’autore

Contro tutti i comportamenti lesivi del diritto d’autore ci si può difendere ricorrendo ad una serie di strumenti di tutela di natura civile, penale e amministrativa. Alcune violazioni della legge sul diritto d’autore sono punite da sanzioni penali (privazione della libertà personale e/o pene pecuniarie).
Tutte le disposizioni sono contenute nel testo dei singoli articoli della LDA (171 ss.). In generale si può dire che le sanzioni penali tutelano tutte le opere disciplinate dalla legge (appartenenti alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all'architettura, al teatro ed alla cinematografia, oltre al software e alle banche dati) da qualunque forma di utilizzazione illecita. Per quanto riguarda in particolare il software, l'art. 171-bis della legge prevede che chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla SIAE, è soggetto alla pena della reclusione da sei mesi a tre anni e della multa da lire cinque milioni a lire trenta milioni.


Come difendersi dal gioco d’azzardo

Chi gioca su Internet può essere vittima di furti d’identità mirati all’appropriazione indebita di fondi. I casinò online sicuri, solitamente, informano il cliente riguardo la sicurezza. Molti siti utilizzano la cosiddetta tecnologia di crittografia sicura, per esempio la crittografia SSL a 128 bit. Questo significa che le transazioni finanziarie si basano su una tecnologia avanzata che impedisce ai pirati informatici di impossessarsi di informazioni riservate nel corso delle sessioni di gioco online.
Di fondamentale importanza, se si dovesse giocare online, è verificare se il casinò è provvisto di licenza. Esso, infatti, deve detenere la licenza rilasciata da una determinata autorità competente, che gli dia l’autorizzazione e possa monitorarne l’attività. È inoltre opportuno che il software utilizzato dal casinò online sia realizzato da una delle principali case produttrici. Qualora i casinò fossero sprovvisti di licenza rilasciata dall’autorità competente in materia di gioco d’azzardo, essi non hanno nessun diritto ad utilizzare il software.
Infine, è bene venire a conoscenza del fatto che i casinò devono pubblicare con una certa frequenza i resoconti relativi alla percentuale delle entrate restituita ai giocatori sotto forma di vincite. Questi resoconti, per accertarsi che siano veritieri, debbono essere redatti da un’azienda contabile indipendente.


Come difendersi dai numeri a pagamento

Per poter adottare le dovute precauzioni, è necessario imparare a riconoscere un dialer maligno. I dialer si presentano all’utente come una finestra di download (generalmente un file con estensione .exe o .ini) che si apre spontaneamente durante la visita di un sito; all’interno di essa non sono presenti riferimenti al costo del servizio oppure è presente solo un piccolo accenno. A questo punto l’utente ignaro del tutto, cliccando sul pulsante di accettazione fa partire l’installazione dello stesso sul proprio computer, in questi casi è indispensabile invece annullare l'operazione. Se l'utente ignaro permette l’avvio dell'installazione, il dialer si insidia nel pc, impostando autonomamente una connessione ad uno dei numeri a pagamento, senza comunicare nulla all'utente.
La disinstallazione di questi programmi risulta difficoltosa ed a volte impossibile. Ci sono una serie di accorgimenti da intraprendere. Innanzitutto è possibile chiedere al proprio gestore telefonico la disattivazione di tutte le chiamate ai numeri "pericolosi". In aggiunta si possono utilizzare appositi programmi anti-dialer che bloccano la connessione ai numeri non espressamente autorizzati. Una soluzione più efficace consiste nell’impostare il browser in modo da disattivare il download dei file e la funzione "Active X" che permette alla maggior parte dei dialer di funzionare. In questo modo il browser chiede sempre l’autorizzazione dell’utente prima di scaricare qualunque file su disco fisso.
Non essendo i dialer dei veri e propri virus, è difficile che anche il migliore degli antivirus riesca ad intercettare la sua presenza bloccandone il funzionamento. Nel caso ci si accorga della truffa soltanto all’arrivo della bolletta, si può comunque non pagare: presentando la denuncia agli organi di polizia presenti sul territorio, è possibile pagare soltanto la quota dovuta ed informare il proprio gestore telefonico tramite una lettera di reclamo.