Vai al contenuto
Vai al menu di navigazione
Vai all'indice del modulo

Peer to Peer

Il funzionamento del Peer to Peer

Peer to peer, o P2P è un’abbreviazione e sta per "condivisione di risorse fra pari".

Il servizio di Peer-to-Peer basa il suo funzionamento sulla realizzazione di una rete di computer che condividono le proprie risorse multimediali, documenti, filmati, file audio, immagini, interagendo tra loro in modo diretto senza la necessità di dispositivi server intermediari ma utilizzando semplicemente delle applicazioni software dedicate.

Le reti P2P, sono quindi costituite dalla interconnessione di singoli nodi, ossia i singoli computer, collegati tra loro attraverso la rete Internet. Il servizio di P2P si basa quindi su una architettura opposta a quella dei servizi client-server, dove è invece presente una entità centrale di tipo Server verso il quale sono indirizzate le comunicazioni dei vari client che non possono comunicare direttamente per scambiare file multimediali e documenti. (Figura 1)

tradizional Client/Server Network

Figura 1 - Traditional Client/Server Network

P2P Network

Figura 2 - P2P Network

Nell'architettura P2P tutti i computer sono paritari, ovvero funzionano sia come client che come server (li si può anche definire servent).

I vari nodi o computer, definiti anche come Peer, passando attraverso la rete Internet sono in grado di collegarsi direttamente agli altri peer della rete, e utilizzando una applicazione software installata al loro interno, possono condividere file multimediali o documenti, per quello che viene comunemente definito il “File Sharing”. (Figura 2)

Le funzioni importanti del P2P sono:

  • DISCOVERYNG: scoprire gli altri peer.
  • QUERYNG: richiedere contenuti ad altri peer.
  • SHARING: condividere le proprie risorse con gli altri.

Le sue caratteristiche tipiche sono: l’assenza di un coordinamento centrale e ovviamente di un database unico che conosca tutti gli utenti (i peer), l’assenza da parte dell’utente di una visione globale del sistema e la totale autonomia di ogni peer.

Esistono diversi software per il servizio P2P, tra i più famosi ed utilizzati oggi è possibile menzionare Kazaa, Emule, Gnutella, Morpheus e sono molti altri i software che come questi è possibile trovare facilmente nella Rete e scaricare sul proprio PC.
Due sono due gli elementi più importanti che occorre tenere a mente nell'utilizzo dei software di P2P:

  1. riporre attenzione nella configurazione di questi software, poiché in ogni caso espongono il nostro computer verso la Rete, bisogna quindi cercare di porre le adeguate limitazioni e protezioni per evitare visite non desiderate;
  2. non occorre utilizzare il file sharing per scambiare materiale coperto da copyright!