Vai al contenuto
Vai al menu di navigazione
Vai all'indice del modulo

Navigazione WEB: Strumenti e linguaggi

Strumenti e linguaggi per la navigazione WEB : XHTML, DHTML e DOM

I. XHTML

L'XHTML (eXtensible HTML) è la riformulazione in XML dell'HTML e rappresenta il suo naturale successore. I vantaggi dell'XHTML rispetto all'HTML vanno ricercati nelle differenze tra XML e SGML; più in dettaglio l'XHTML rispetto all'HTML ha una struttura più facilmente processabile ed  è estendibile perché può essere combinato con altri linguaggi derivanti dall'XML.

La standardizzazione del linguaggio è curata dal W3C, la sua ultima versione è la  1.1.

I file XHTML in genere utilizzano la stessa estensione di quelli HTML (.html).

Alcuni linguaggi per il Web derivanti dall'XML:

Il MathML (Mathematical Markup Language) linguaggio per la rappresentazione di formule matematiche anche molto complesse

l SVG (Scalable Vector Graphics) linguaggio per la descrizione di immagini vettoriali statiche e animate

l XSLT (eXtensible Stylesheet Language Transformations) linguaggio per la trasformazione di documenti XML in documenti testuali, HTML o XML di altro tipo

MathML e SVG possono essere combinati con l'XHTML mediante l'uso dei cosiddetti namespace XML.

II. DHTML

Il termine DHTML (Dynamic HTML) indica l'uso combinato di Java Script, HTML e CSS per la creazione di pagine dinamiche lato client; il DHTML viene principalmente utilizzato per migliorare l'usabilità delle pagine spesso a scapito della loro accessibilità da parte dei browser che non supportano JavaScript. Per risolvere quest'inconveniente, comunque, è possibile utilizzare il DHTML in modo degradabile creando pagine in grado di essere accedute con qualsiasi browser (anche se con diversi livelli di usabilità) mediante l'opportuna separazione di HTML, CSS e JavaScript.

III. DOM

Il DOM (Document Object Model) è un modello che rappresenta i documenti HTML (e XML) mediante una struttura ad albero (che evidenzia la relazione di contenimento degli elementi che li costituiscono); fornisce delle API (Application Programming Interface) per vari linguaggi, tra cui JavaScript, che consentono di navigare e modificare tale albero.

Una prima versione minimale del DOM (DOM di livello 0) è stata introdotta insieme a JavaScript.

La standardizzazione di questa tecnologia è attualmente curata dal W3C e l'ultima versione dello standard è nota col nome di DOM di livello 2.