Vai al contenuto
Vai al menu di navigazione
Vai all'indice del modulo

I SERVIZI DI INTERNET DI INTERESSE PER IL CITTADINO

Il protocollo HTTP: descrizione

HTTP (HyperText Transfer Protocol), il protocollo dello strato di applicazione del Web, costituisce il cuore del Web. E' implementato in due programmi: un programma client e un programma server. HTTP è il protocollo di comunicazione che regola le interazioni tra un client, che accede alla rete Internet, e un server web che contiene le pagine web richieste dal client stesso. Secondo quanto definito dallo standard, HTTP basa il suo funzionamento sull'utilizzo del protocollo di trasporto TCP (Transmission Control Protocol), secondo il quale, client e server possono scambiarsi informazioni, dopo aver stabilito un preciso canale di comunicazione. Al protocollo HTTP, inteso come servizio di comunicazione, è stata poi associata la porta logica "80". Le altre regole di funzionamento e il processo di standardizzazione del protocollo sono coordinati dal W3C e dall'IETF.
L'ultima versione di HTTP è la 1.1 (RFC 2616).

Il protocollo HTTP prevede che i client (che devono accedere ad una pagina web) e i server (che mettono a disposizione le pagine web) interagiscano mediante lo scambio di messaggi, che possono essere suddivisi in richieste HTTP inviate dai client ai server e risposte HTTP inviate dai server ai client. Ogni richiesta e la corrispondente risposta vengono scambiate all'interno di una stessa connessione TCP detta link di trasporto. Le connessioni TCP vengono sempre aperte dai client.

L'accesso ad una pagina Web da parte di un web browser genera almeno una richiesta e una risposta HTTP, relative al codice sorgente HTML che la descrive. Le pagine Web contengono spesso riferimenti ad altre risorse che contribuiscono a formarne il contenuto come immagini, fogli di stile CSS, file JavaScript, filmati flash, filmati Quicktime, applet java, ed altri. Ognuna di queste risorse genera una richiesta ed una risposta a sé stante. In ragione di ciò il numero di richieste HTTP varia molto a seconda del contenuto delle pagine aperte. Due esempi diametralmente opposti sono la home page di Google con solo due richieste, una per l'immagine e una per il contenuto HTML, e la home page della CNN con 158 richieste di cui una per il contenuto HTML, 2 per i fogli di stile, 144 per le immagini, 11 per il codice Javascript.

Utilizzando HTTP ogni richiesta viene processata indipendentemente dalla richiesta che l' ha preceduta. Per questo motivo il protocollo viene definito Stateless dal momento che non mantiene lo stato tra richieste successive dei client. Le applicazioni Web, comunque, possono utilizzare vari stratagemmi per mantenere tale stato e quindi comportarsi in modo stateful pur avvalendosi un protocollo di comunicazione stateless.