Vai al contenuto
Vai al primo menu di navigazione (Video, corso,etc. )
Vai al secondo menu di navigazione (Cerca,Concorso, etc.)

Come difendersi

Per ostacolare il dilagare di worm e virus, la regola principale è l’impiego di un sistema aggiornato in ogni sua parte: dal sistema operativo al browser web.
Spesso per aggirare worm e virus, le aziende che producono software, rilasciano aggiornamenti che rendono inutili tali attacchi. Il mancato impiego di questi aggiornamenti, può portare ad uno stato di vulnerabilità del sistema che nel caso peggiore, può degenerare in un’epidemia su scala planetaria (si pensi al worm Blaster avvenuto nel 2001). Un’altra efficace arma contro l’insidie del web è l’utilizzo di software dedicati, tra cui firewall ed antivirus.

Ogni giorno vengono escogitati nuovi attacchi minatori; per ostacolare la loro buona riuscita e salvaguardare la stabilità del nostro computer, è necessario mantenere costantemente aggiornati questi strumenti di difesa. In ogni caso è consigliabile evitare di approdare su siti dal contenuto poco raccomandabile durante la navigazione, perché spesso vengono usati come punto di partenza per le epidemie.

A differenza dei worm e dei virus, per gli adware e gli spyware è richiesta la partecipazione dell’utente per essere installati. Spesso si nascondono dietro programmi di utilità e di funzioni particolari, come ad esempio “Programma per elevare le prestazioni di Windows al 120 %”, per trarre in inganno l’utente. Pertanto è bene controllare sempre ciò che si vuole installare sul proprio sistema, diffidando da programmi autoinstallanti, che sembrerebbero essere miracolosi ai fini delle prestazioni del computer, ma che in realtà finiscono per comprometterle.

In Internet sono presenti diversi prodotti, chiamati adware e anti-spyware, in grado di controllare ed eventualmente rimuovere dal sistema spyware, adware, e cookie-spia. Per aiutare i minori a non mettere a rischio la loro sicurezza quando navigano in rete, è consigliabile far comprendere l’importanza di non rivelare mai la loro identità, il numero di telefono, l’indirizzo o qualunque tipo di informazione personale.

Internet, per far fronte alle varie problematiche presenti durante la navigazione, offre due alternative:
 
1. liste di siti pericolosi
2. filtri
 
Sui vari browser utilizzati per accedere a internet è possibile definire le liste di siti etichettati come pericolosi e bloccarne l’accesso o, in alternativa, ricorrere ad alcuni software a pagamento che forniscono le liste di siti dannosi.
Esistono inoltre filtri di navigazione che, come sistemi automatizzati gestiti da software che “respingono” le pagine web dal contenuto nocivo, sono in grado di bloccare l'accesso ai siti sconsigliati presenti su una lista aggiornabile.
Per tutelare i minori dai siti dal contenuto non adatto è necessario informarli dei potenziali rischi che provengono dal web e ricordare loro di non fornire mai informazioni private ad estranei conosciuti online. Se il computer viene collocato in una stanza centrale della casa è più facile entrare in relazione con loro quando sono collegati in rete, riuscire a capire quali sono i loro interessi e consigliarli opportunamente.
Le Reti protette, generalmente gratuite, sono portali studiati appositamente per offrire ai minori una navigazione sicura. Ancora più efficaci sono i servizi di “navigazione sorvegliata”: se l’utente vuole accedere ad un sito non presente nella lista di quelli consigliati, un operatore reale mette in attesa il navigatore, accede al sito e ne valuta il contenuto, scegliendo poi se approvarlo oppure no.

Infine, per quanto riguarda la prevenzione dal rischio di dipendenza dal web, comportamenti che possono essere adottati sono: fare lunghe pause durante la navigazione, cercando di uscire dalla stanza dove è situato il pc; programmare il tempo di connessione, abilitando la funzione “disconnetti alle h…”; distogliere frequentemente lo sguardo dal monitor; arrivare a prendere coscienza del fatto che la socializzazione reale non deve mai essere totalmente sostituita da quella virtuale; chiedere un aiuto competente nel caso in cui si avverta la necessità incontrollabile di collegarsi ad Internet.